Energia e Ambiente

I prezzi del gas scendono, i big americani vanno nel caos

Gli analisti oggi stimano che le piattaforme di gas naturale saranno progressivamente ridotte a partire da questo mese

Il calo del 46% dei prezzi del gas naturale quest’anno sta mettendo in subbuglio l’industria mineraria statunitense, che – dopo la guerra in Ucraina – è diventata il principale esportatore di Gnl capitalizzando la rivoluzione portata dalla tecnica del fracking.

Una retromarcia inattesa, che minaccia di rallentare i progetti di perforazione e gli investimenti dei big del settore. Il calo dei prezzi ha inoltre creato un ambiente sfavorevole alle operazioni di fusione e acquisizione in corso nel settore energetico.

La situazione è cambiata bruscamente da quando la Russia ha tagliato i suoi flussi di gas naturale verso l’Europa e il gas naturale liquefatto americano è diventato una merce ricercata. Il numero di piattaforme di gas naturale attive è salito del 48% a un totale di 157 nella prima metà del 2022, secondo i dati della società di servizi petroliferi Baker Hughes.

Gli analisti oggi stimano che le piattaforme di gas naturale saranno progressivamente ridotte a partire da questo mese. 

I futures sul gas naturale degli Stati Uniti erano scambiati mercoledì a $ 2,42 per milione di unità termiche britanniche (mmBtu) rispetto ai $ 9 per mmBtu dell’agosto 2022. Lo scorso anno, il prezzo era in media di $ 5,46 / mmBtu, il più alto da dieci anni a questa parte.

Le prospettive future dovrebbero essere simili. I prezzi rimarranno intorno ai 2,50 dollari per mmBtu quest’estate, in calo rispetto alle stime precedenti di 3,50 dollari per mmBtu, secondo le previsioni della società di tecnologia energetica Enverus.

Enverus stima che l’attività di perforazione nel giacimento di gas naturale di Haynesville dovrebbe essere ridotta di circa l’8% per evitare che lo stoccaggio superi il limite di 4,3 trilioni di piedi cubi (tcf).

“Se non vediamo una riduzione dell’attività a Haynesville, crolleremo”, ha detto Jonathan Snyder, vicepresidente di Enverus, riferendosi ai 4,3 tcf di picco di stoccaggio negli Stati Uniti.

“Il calo dei prezzi del gas naturale ha rallentato le trattative e ha minacciato alcune acquisizioni annunciate che non si sono concluse”, ha affermato Andrew Dittmar, che segue le fusioni e le acquisizioni di Enverus.

Oggi il gas per consegna a gennaio e febbraio 2024 viene scambiato sopra i 4 dollari per mmBtu, ben al di sopra del prezzo a cui i contratti sono stati scambiati negli ultimi anni.