Porti e Infrastrutture

Rfi: “Sono 27 i nuovi binari fra Genova e Vado per l’ultimo miglio dei treni in banchina”

Il vice direttore generale operation di Rfi, Macello, fa il punto sullo stato dei lavori necessari a costituire treni lunghi 750 metri

Genova – “Stiamo lavorando molto sui porti di Genova come ultimo miglio, per riuscire a costituire treni lunghi 750 metri dalle banchine portuali per evitare poi rotture di carico che rendono non competitivo lo shift modale dalla gomma al ferro e quindi il trasporto su ferrovia”. A fare il punto sull’ultimo miglio ferroviario nei porti di Genova e Vado ligure è Vincenzo Macello, vice direttore generale operation di Rfi, che elenca passo passo, parlando al convegno organizzato da Confindustria Genova su “Nuove infrastrutture per nuovi servizi di mobilità. Riflessioni a valle del rapporto Oti Nord 2023”. Tutti i binari, complessivamente 27, in via di realizzazione nei due scali per vincere la scommessa di fare crescere l’utilizzo del treno per i traffici in arrivo e in partenza.
“Stiamo realizzando otto binari nel parco del Campasso a Genova per la nuova linea che dal porto storico si innesca direttamente nel Terzo Valico ferroviario dei Giovi – spiega – Sette binari li stiamo realizzando nel porto storico al parco Fuori Muro. Poi abbiamo 7 binari sempre da 750 metri che stiamo posando nel porto di Pra’, dove ne abbiamo già realizzati sei, però corti, e li allungheremo una volta che viene meno l’interferenza con il viadotto dell’A10 e poi cinque binari li stiamo realizzando a Vado ligure”.