Green&Tech Porti

RINA: ricavi e utili in crescita nel primo trimestre. Acquisizioni in vista

Genova – Primo trimestre in linea con le previsioni. E nuove acquisizioni in vista con focus su realtà che operano in settori come digitalizzazione e principi ESG.

L’assemblea dei soci di RINA – multinazionale di ispezione, certificazione e consulenza ingegneristica – ha approvato il bilancio 2020 che vede ricavi netti di circa 495 milioni di euro, +4% rispetto al 2019, utile netto di 4,5 milioni di euro contro i 3,1 milioni di euro del 2019. La posizione finanziaria netta è scesa a -124,5 milioni di euro, con una conseguente riduzione della leva a 1,94.

“I risultati 2020, positivi anche in virtù dell’andamento dei mercati di riferimento, sono frutto della solidità dei business e della capacità dell’azienda di rimodulare strategie e modelli operativi e di accelerare processi di cambiamento già in atto sfruttando tecnologia e lavoro da remoto”, puntualizza la società in una nota.

Nel primo trimestre dell’anno, l’azienda ha registrato un andamento dei ricavi pari a circa 121 milioni di euro, in linea con il budget e nonostante il permanere delle incertezze e delle complessità legate alla pandemia. “L’andamento delle business unit e la raccolta ordini a quasi 200 milioni di euro permettono di confermare la guidance economico-finanziaria per il 2021. La copertura dei backlog a livello di gruppo risulta pari all’85% e la performance finanziaria netta è in linea con le previsioni”, prosegue la società.

RINA ha inoltre confermato la tendenza alla crescita anche per linee esterne acquisendo a marzo 2021 Interconsulting Engineering, società italiana di ingegneria attiva nel settore Spazio & Difesa.

“Per il nostro sviluppo abbiamo predisposto un piano di crescita sia organica sia inorganica – ha dichiarato Ugo Salerno, presidente e CEO di RINA -. A questo proposito abbiamo in pipeline alcune acquisizioni che andremo a perfezionare nel breve/medio periodo. Coerentemente con le nostre direttrici strategiche, abbiamo identificato oltre 70 potenziali aziende target soprattutto in ambito Spazio e Difesa, Cybersecurity, Sostenibilità, Food ed Energy, con un’attenzione particolare sull’offshore wind”.