Shipping e Logistica

Ryanair: “Distanziamento a bordo? Idea idiota, preferiamo chiudere”

Londra – Ryanair “non tornerà a volare” se sarà obbligata a tenere i sedili di mezzo vuoti per mantenere le distanze di sicurezza contro il Coronavirus. Intervistato dal Financial Times, il numero uno della low cost irlandese, Michael O’ Leary, ha sottolineato che “sarebbe impossibile guadagnare denaro con un tasso di riempimento del 66%”. Secondo O’ Leary, si tratterebbe di “un’idea idiota che in ogni caso non darebbe alcun risultato”. A meno che, naturalmente, il governo irlandese paghi i due posti lasciati vuoti nelle file di sei posti in 3 + 3 del suo Boeing 737-800. Ma se il governo dovesse insistere sul distanziamento sociale in volo, “il modello economico a basso costo andrà in frantumi” e non riprenderà i voli nemmeno quando le restrizioni di viaggio saranno revocate. 

“E’ impossibile essere redditizi con coefficienti di occupazione al 66% “, ha insistito O’ Leary, mentre Ryanair ha mostrato coefficienti quasi al massimo anche in piena pandemia (96% in media negli ultimi dodici mesi, alla fine di marzo ). O’ Leary preferirebbe che l’Europa adottasse misure già viste ad esempio in Asia, che vanno dai controlli di temperatura negli aeroporti all’utilizzo obbligatorio delle maschere da parte dei passeggeri (ora adottato da Air France in caso di alta occupazione). Ricordiamo che a differenza dei suoi rivali, il leader di Ryanair ha affermato di essere ottimista riguardo a una rapida ripresa del trasporto aereo, una volta che le restrizioni di viaggio legate alla pandemia sono state revocate. Tutto dipenderà dalla guerra dei prezzi, da cui intende ovviamente emergere vittorioso .