Green&Tech

Saipem: alla Marina Militare il sistema di soccorso subacqueo

Milano – La direzione degli armamenti navali del segretariato generale della Difesa ha acquisito il sistema di soccorso subacqueo, ideato da Saipem e Drass, che sarà destinato come dotazione specialistica della nuova nave per
operazioni subacquee e di soccorso di sommergibili denominata Sdo-Surs (Special Diving Operations – Submarine Rescue System) della Marina Militare Italiana.

Il sistema integra un veicolo sottomarino a controllo remoto (Rov) di ultima generazione realizzato da Saipem con una capsula di salvataggio realizzata da Drass. Il Rov funge da vettore di navigazione e controllo, mentre la capsula ha la funzione di riportare i sommergibilisti in superficie mediante un habitat controllato e in totale sicurezza.

“Siamo orgogliosi di questa collaborazione di sistema con il nostro Ministero della Difesa e la nostra Marina Militare. Questo accordo concretizza peraltro un’interessante opportunità di fornire, anche al mercato militare, prodotti e servizi ad altissimo contenuto tecnologico sviluppati da Saipem nella realizzazione di impianti energetici subsea“, afferma -Stefano Porcari di Saipem.

La storica collaborazione di Drass con Marina Militare Italiana si “arricchisce della sinergia con Saipem dimostrando ancora di più l’efficacia di impiegare la tecnologia duale nel campo della Difesa”, afferma Sergio
Cappelletti di Drass
.