Porti e Infrastrutture

Salvini: “Riforma dei porti entro la fine dell’anno o forse anche prima”/ Il video

Il ministro all’Adriatic Sea Summit: “Non sarà un algoritmo a decidere sulle concessioni portuali”. Ma la regola l’ha firmata lui

Trieste – “La riforma dei porti sarà pronta entro la fine dell’anno”. Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture Matteo Salvini in video collegamento dalla Sicilia durante  l’Adriatic Sea Summit organizzato dal Secolo XIX e dal Piccolo nel capoluogo giuliano.

“L’obiettivo, d’accordo con Edoardo Rixi con cui sto lavorando insieme con diversi operatori, è entro la fine dell’anno, o prima, è dare certezza”, ha spiegato Salvini. “Ecco le caratteristiche: autonomia per rispettare la vocazione di ogni Autorità; limitare il canone al minimo; concessioni perché non può essere un algoritmo o un’authority a decidere le concessioni per le singole Autorità portuali”. Parole condivise dalla platea triestina, anche se qualcuno – fra le prime file – ha mormorato: “Bene che Salvini si sia reso conto dell’assurdità della norma. Un po’ meno bene che, all’epoca, non si sia reso conto di quello che stava firmando…”. Perché, in effetti, la firma sotto il provvedimento è proprio quella del ministro. Che, considerata la complessità dell’argomento, evidentemente non ne aveva compreso la gravità.