Yacht

Sanlorenzo acquisisce Equinoxe, società di charter e brokeraggio yacht

Genova – Il cantiere Sanlorenzo, azienda leader nel settore della nautica di lusso che produce yacht e superyacht “su misura”, ha perfezionato l’acquisizione del 100% di Equinoxe per un controvalore di 2,1 milioni di euro, di cui circa il 10% verrà corrisposto nei prossimi tre anni.
Fondata nel 1986, Equinoxe opera nei servizi di charter e brokeraggio di unità da diporto. “Grazie alla serietà e alla qualità del servizio prestato negli oltre 30 anni di attività e alla solida rete di relazioni, la società gode di un’elevata reputazione e un’indiscussa affidabilità sul mercato”, sottolinea in una nota Sanlorenzo. Il cantiere ricorda che l’operazione “si inserisce nella strategia legata alla proposta di un pacchetto di servizi dedicati alla clientela, in coerenza con la filosofia di ricerca della massima eccellenza e con il posizionamento ‘made to measure’ del brand. Tra questi, l’attività di charter ha vissuto una forte espansione soprattutto nei periodi di contrazione della domanda di nuove imbarcazioni e conserva un elevato potenziale da esprimere”.
Secondo quanto spiegato anche in occasione dei saloni nautici di Settembre dai vertici del cantiere l’offerta di tali servizi riscuote un particolare interesse da parte della clientela, che può cogliere l’opportunità di recuperare una quota significativa dei costi operativi della propria imbarcazione includendola in un programma su cui fare affidamento in quanto gestito da Sanlorenzo.
“Siamo felici – ha commentato Massimo Perotti, presidente e chief executive officer di Sanlorenzo – di accogliere Equinoxe nella famiglia Sanlorenzo. In Equinoxe abbiamo infatti individuato non solo standard di qualità ed eccellenza in linea con il nostro posizionamento, ma anche quelle competenze specialistiche necessarie a sviluppare la Sanlorenzo Charter Fleet, il primo programma al mondo di charter monobrand”.
Con questa operazione il gruppo della famiglia Perotti aggiunge un importante tassello per la realizzazione della propria strategia, che vede nei servizi, insieme alla sostenibilità e tecnologia e alla supply chain, tre ulteriori driver fondamentali che vanno a rafforzare il suo modello di business, per la crescita da qui al 2030.