Cargo Porti

Sea-Int: capacità di stiva 4 volte superiore a dicembre sulla rotta transpacifica rispetto ad Asia-Europa

Milano – Il dispiegamento della capacità di stiva pianificato dai principali vettori del trasporto container mostra una crescita sulla rotta transpacifica per dicembre 4 volte superiore a quella sulla rotta Asia-Europa e otto volte superiore a gennaio 2021. A rilevarlo è Sea-Intelligence nel suo ultimo bollettino che ha analizzato i dati sulla capacità programmata dai vettori per dicembre 2020 e gennaio 2021 sulla base del proprio database Trade Capacity Outlook (TCO).

Sea-Intelligence ha spiegato che, in questo momento, le dinamiche del mercato transpacifico sono governate da un’estrema iniezione di capacità. A dicembre, su questa rotta si dovrebbe vedere un aumento della capacità del 27,3% anno su anno, a conferma – sottolinea la società danese – che “l’attuale performance delle tariffe spot non sia dovuta al fatto che i vettori mantengano la capacità transpacifica artificialmente bassa”. Sulla rotta Asia-Europa, tuttavia, i piani di implementazione dei vettori indicano una crescita della capacità del 6,7% anno su anno a dicembre, in calo rispetto a novembre.

“È interessante notare che l’andamento delle tariffe spot sulla rotta Asia-Europa sia stato relativamente contenuto, rispetto ai livelli record su altre rotte commerciali deep-sea, anche se si considera l’aumento del +20% della scorsa settimana rispetto alla precedente”, ha detto Alan Murphy, CEO di Sea Intelligence. “Alla luce del boom della domanda transpacifica, i vettori hanno naturalmente dirottato la capacità su questa rotta sia per capitalizzare le tariffe di nolo molto più elevate, sia per essere in grado di spostare i grandi volumi che richiedono di essere trasportati improvvisamente”, ha aggiunto Murphy.

“Tuttavia, il numero di navi disponibile è limitato e un repentino cambio di rotta significa una minore crescita della capacità per l’Asia-Europa, che si tradurrà in un forte aumento delle tariffe nelle prossime settimane”, ha concluso il CEO.