Cantieri Navali Difesa Shipping e Logistica

Sottomarini nucleari, accordo miliardario fra Australia e Gran Bretagna

L’intesa decennale aumenterà la capacità dello stabilimento Rolls-Royce di Derby, nel Regno Unito

Sydney – L’Australia ha firmato un accordo del valore di 3 miliardi di dollari con l’industria britannica per sostenere la costruzione di sottomarini a propulsione nucleare e garantire che “la nuova flotta arrivi in tempo utile”, hanno dichiarato oggi i due Paesi in un annuncio congiunto. L’annuncio arriva il giorno dopo che i due Paesi hanno firmato un patto di difesa e sicurezza per affrontare meglio sfide come l’aumento dell’attività della Cina nel Mar Cinese Meridionale e nel Pacifico meridionale. Il ministro della Difesa britannico Grant Shapps ha dichiarato alla Abs che il programma di sottomarini “è costoso ma necessario. I sottomarini a propulsione nucleare non sono economici, ma viviamo in un mondo molto più pericoloso in cui vediamo una regione molto più assertiva con la Cina e un mondo molto più pericoloso in generale, con ciò che sta accadendo in Medio Oriente e in Europa”. “I Paesi devono investire per assicurarsi che gli avversari si rendano conto che facciamo sul serio per quanto riguarda la nostra sicurezza, difendendo ad esempio la libertà di navigazione”.
L’accordo decennale aumenterà la capacità dello stabilimento Rolls-Royce di Derby, nel Regno Unito, per costruire i reattori nucleari che alimenteranno i sottomarini che saranno costruiti dalla Bae Systems ad Adelaide, in Australia. I sottomarini della classe Virginia deriveranno principalmente da un progetto britannico e avranno a bordo un sistema d’arma statunitense.
Il ministro della Difesa australiano Richard Marles ha dichiarato, da parte sua, che “l’accordo dimostra che il programma dei sottomarini nucleari sarà portato a termine e creerà nuove capacità produttive per i partner dell’Aukus (Australia, Regno Unito e Stati Uniti). Si tratta di decisioni fondamentali che dimostrano che il percorso che porterà l’Australia ad acquisire una capacità di produzione di sottomarini a propulsione nucleare si sta realizzando, e il risultato sarà la produzione più avanzata della nazione e una delle linee di produzione più avanzate al mondo”. L’Australia acquisterà almeno tre sottomarini nucleari statunitensi a partire dall’inizio del 2030 nell’ambito dell’accordo Aukus. “L’Australia, il Regno Unito e gli Stati Uniti rimangono pienamente impegnati in questo sforzo condiviso”, si legge in una dichiarazione trilaterale congiunta di Marles, Shapps e del Segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin.