Lavoro Logistica

Spagna, contro la carenza di camionisti l’età minima ridotta da 21 a 18 anni

Madrid – Il Consiglio dei Ministri spagnolo ha approvato la riduzione dell’età minima richiesta per guidare i camion a 18 anni, una volta superato il Certificato di attitudine professionale (CAP) di 280 ore. Fino ad ora, l’età stabilita era di 21 anni. Il governo ha approvato un regio decreto che accoglie parzialmente la Direttiva dell’Unione Europea 2018/645 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 18 aprile 2018, riguardante “la qualificazione iniziale e la formazione continua dei conducenti di veicoli destinati al trasporto di merci o passeggeri su strada” e la direttiva 2006/126 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 dicembre, relativa alla patente di guida. Il regolamento approvato dall’esecutivo entrerà in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale dello Stato (BOE).

Il ministero dell’Interno ha spiegato che, con questo atto, la Spagna risponde alla necessità di allineare l’età per l’ottenimento della patente di guida con l’età stabilita alla quale può essere presa la PAC. Inoltre, ha ricordato che si tratta di “una richiesta del settore dell’autotrasporto a causa della carenza di conducenti professionisti, nonché di una scelta che apre la possibilità ai giovani di accedere al mercato del lavoro”.

Il regio decreto convalidato dal Consiglio dei ministri aumenta poi da 3.500 kg a 4.250 chilogrammi il peso dei furgoni che possono circolare nel territorio nazionale con il permesso B per il trasporto di merci , solo quando l’aumento di massa “è dovuto al nuovi sistemi di propulsione (veicoli elettrici)”. Il ministero dell’Interno ha indicato che si tratta di una misura “che favorisce l’uso di combustibili alternativi non inquinanti”.