Shipping e Logistica

Gruppo Spinelli, fatturato in crescita del 20%

Sono migliorati anche tutti gli indicatori green, si registra la riduzione del 90% delle emissioni in atmosfera dei mezzi pesanti del gruppo

Genova – Il gruppo Spinelli, leader in Italia nel settore della logistica, presenta il suo primo Bilancio di Sostenibilità.

Redatto in forma volontaria, rappresenta “un ulteriore passo tangibile del nostro percorso evolutivo sui vari temi ambientali, sociali e di governance” spiega Roberto Spinelli, alla guida dell’azienda insieme al padre Aldo. Dai numeri del documento emerge il dato del valore distribuito sul territorio, pari a 156 milioni di euro (valore economico distribuito). La quasi totalità di questo numero ha un impatto diretto sul territorio nazionale e in particolare sulla Liguria.

Ecco nel dettaglio altri numeri perché nove sono gli obiettivi per lo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite a cui il gruppo sta già contribuendo, poi sono 646 i dipendenti nel 2022, in crescita rispetto all’anno precedente grazie a 69 nuove assunzioni mentre l’89%: è la quota di spesa nei confronti di fornitori locali (territorio nazionale) rispetto al totale. E ancora si registra la riduzione del 90% delle emissioni in atmosfera dei mezzi pesanti del gruppo grazie all’utilizzo del carburante green HVO di Eni mentre il +20% è l’aumento del fatturato rispetto al 2021.

“Questo Bilancio descrive un anno solido costituito da sfide affrontate e vinte dal gruppo Spinelli – commenta Roberto Spinelli –Dal punto di vista dei valori economici, i risultati positivi raggiunti nell’ultimo esercizio sono fonte di grande soddisfazione ed orgoglio. Sappiamo che all’orizzonte ci sono nuove sfide a cui dobbiamo prestare la massima attenzione, prima tra tutte quella della decarbonizzazione dei porti italiani. Il gruppo Spinelli giocherà un ruolo importante nelle epocali trasformazioni del settore, seguendo l’impulso dell’Agenda 2030 dell’Onu che rimarrà fonte di ispirazione da qui in avanti”.

“Già da diversi anni il gruppo Spinelli investe per mettere in campo innovazioni che consentano una decisa riduzione dell’impatto ambientale e questo primo Bilancio di Sostenibilità rappresenta un’occasione per comunicare i risultati raggiunti secondo criteri e standard internazionali certificati” spiega Almanio Romano, CFO del gruppo. “L’Agenda 2030 dell’ONU ha rappresentato e rappresenta la guida e l’impulso per continuare a ideare e progettare soluzioni sempre più innovative e attente all’ambiente e alla comunità. Il gruppo sta già contribuendo a 9 dei 17 Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite e stiamo lavorando per aumentare il nostro contributo”.

Il Bilancio di sostenibilità è stato redatto in conformità ai Sustainability Reporting Standards pubblicati dal Global Reporting Initiative (GRI Standards) con il supporto di Marsh Advisory e certificato dalla società di revisione indipendente EY.

bilancio-sociale_numeri