Crociere

Stati Uniti, la politica chiede una proroga del No Sail Order per le crociere

Washington – Torna ad accendersi il fronte del no alle crociere, negli Stati Uniti, forte della disavventura a bordo della nave di extra-lusso SeaDream 1, sulla quale si è sviluppato un focolaio di Coronavirus durante il viaggio inaugurale ai Caraibi.

Il senatore statunitense Richard Blumenthal e il membro del Congresso Doris Matsui hanno chiesto l’immediato ripristino del No Sail Order scaduto lo scorso 31 ottobre. Lo hanno fatto con una lettera indirizzata al direttore del CDC, la massima autorità sanitaria americana da cui dipende il via libera all’industria crocieristica.

Il 74enne Blumenthal, avvocato ed ex Attorney General dello Stato del Connecticut, è considerato uno dei politici più influenti negli Stati Uniti ed è noto per essere stato promotore della causa civile di 46 Stati contro i big del tabacco e di un’azione legale contro Microsoft per abuso di posizione dominante. Blumenthal ha sostenuto apertamente la posizione secondo cui l’attività umana è responsabile dell’aumento delle temperature globali e che devono essere intraprese azioni tempestive per ridurre le emissioni di gas serra. Con un patrimonio di oltre 100 milioni di dollari, è uno dei politici più ricchi degli USA.