Difesa Economia e Finanza

La tecnologia Stelio Bardi al servizio dell’industria militare

Storie di eccellenze italiane: il caso dell’azienda genovese leader nel settore della fornitura degli impianti ausiliari

Genova – Tecnica e tecnologia al servizio delle unità militari. Si può riassumere così l’attività di Stelio Bardi, azienda genovese con un’ampia ramificazione internazionale nel settore della fornitura degli impianti ausiliari. Nicola Mazza, business manager del dipartimento “Navy” dell’azienda, racconta: “Il mondo delle navi militari è particolarmente esigente e necessita di una particolare attenzione nell’analisi delle specifiche tecniche, per rendere conformi e adatti all’impiego i prodotti offerti, specie in tema di rumorosità, vibrazioni e condizioni ambientali. Nella cantieristica delle navi mercantili e da crociera, in genere, gli standard sono meno restrittivi e facilitano, per così dire, la costruzione nel suo complesso. Nel caso delle costruzioni militari, occorre tenere conto anche del minor spazio a disposizione che richiede in genere una progettazione più accurata”.

Stelio Bardi è presente da anni nel settore militare con una gamma di prodotti tecnologici legati soprattutto alla raccolta sottovuoto e trattamento delle acque reflue, al trattamento dei rifiuti ed al rifornimento degli elicotteri. “La società ha una lunga storia, e rappresentiamo in Italia diverse società. Stelio Bardi è nata nel 1989 rappresentando Jets Vacuum AS, azienda che produce impianti di aspirazione liquami sottovuoto. Dopo aver rivoluzionato il mondo degli impianti sanitari di bordo, JETS® è oggi il riferimento per progettisticantieriarmatori e leader del mercato grazie a 35 anni di innovazione nel settore. La pompa JETS® racchiude in sé tre funzioni: raccolta in depressione, triturazione e pompaggio dei liquami, la cui efficienza è stata migliorata nel tempo di circa il 300%”.
Continua a leggere gratuitamente qui, sul nostro Focus speciale