Economia e Finanza Shipping e Logistica

Tensione nel Mar Rosso, Tesla chiude la fabbrica in Germania

E’ in grado di produrre 375.000 auto all’anno per i clienti di tutta Europa

Berlino – Tesla ha deciso di sospendere per due settimane la produzione nella sua unica fabbrica europea, situata vicino a Berlino, a causa della mancanza di componenti causata dai conflitti armati nel mar Rosso.

I ribelli houthi, come noto, hanno intensificato gli attacchi contro le navi che attraversano questa rotta marittima vitale per il commercio mondiale, costringendo molte compagnie a deviare i loro percorsi attorno al capo di Buona Speranza, in Sud Africa. Questo ha provocato ritardi e costi aggiuntivi significativi per le catene di approvvigionamento. Tesla, nelle stesse ore in cui Regno Unito e Stati Uniti hanno optato per un intervento militare contro gli Houthi, ha annunciato che riprenderà la produzione a pieno regime non prima del 12 febbraio.
La fabbrica di Grünheide è in grado di produrre 375.000 auto all’anno per i clienti di tutta Europa, ma Tesla ha in programma di espandere la sua capacità e la sua forza lavoro per rafforzare il suo impegno nel mercato europeo dei veicoli elettrici.