Porti e Infrastrutture

Terzo Valico, Rixi conferma il 2026 per l’apertura della prima canna

Spunta una fermata a Milano Forlanini per avvicinare il treno a Linate. Rfi: a metà 2025 la gara d’appalto per il quadruplicamento della Milano-Pavia

Genova – Per il Terzo Valico dei Giovi è confermata la data del 2026 per l’apertura al traffico della prima “canna” e intanto è allo studio una fermata alla stazione ferroviaria di Milano Forlanini per avvicinare all’aeroporto di Linate l’alta velocità Genova-Milano. E’ ancora presto, invece, per indicare i tempi precisi del quadruplicamento della tratta Tortona-Voghera, ma il progetto è chiuso e sta per partire l’iter autorizzativo. Il viceministro a Infrastrutture e Trasporti, Edoardo Rixi, fa il punto in collegamento video con il convegno genovese organizzato da Confindustria Genova proprio per parlare di “Nuove infrastrutture per nuovi servizi di mobilità” che prende spunto dal Rapporto Osservatorio infrastrutture territoriali del Nord 2023. “E’ evidente che il Terzo valico deve essere completato almeno per quanto riguarda l’apertura al traffico della prima canna nel 2026, per garantire da subito un’accessibilità e un utilizzo del sistema ferroviario anche sulle lunghe percorrenze. Significherebbe dare sbocco ai traffici e riprogettare in prospettiva una catena logistica che per noi è necessaria per mantenere il nostro Paese al centro del Mediterraneo”, dice Rixi.
Il vice direttore generale Operation di Rfi, Vincenzo Macello, conferma e aggiunge l’altro tassello. “Stiamo intervenendo sulla velocizzazione di tutta la linea fra Genova e Milano. Abbiamo il quadruplicamento della Milano-Pavia, che darà benefici notevoli, perché è dove si verifica la commistione dei treni regionali con quelli di lunga percorrenza che arrivano da Genova: con la separazione dei flussi di traffico riusciremo a dare un buon livello di capacità – elenca – Sul quadruplicamento della tratta Tortona-Voghera abbiamo chiuso il progetto e avvieremo l’iter autorizzativo a breve – spiega – Abbiamo fatto il dibattito pubblico e entro l’anno pensiamo di chiudere la conferenza dei servizi per essere pronti, una volta finanziato il progetto ad andare in gara”. Quando partirà? “I tempi dipendono dalla copertura finanziaria – aggiunge Macello – Nella prima metà del 2025 potremmo espletare la gara d’appalto e avviare sempre nel 2025 la progettazione esecutiva dell’opera”.
Sul tema delle infrastrutture necessarie per Genova e la Liguria sono intervenuti al convegno, fra gli altri, Alessandro Piana, presidente ad interim della Regione Liguria, Antonio Gozzi, special advisor di Confindustria su Autonomia strategica europea, Piano Mattei e competitività, Leopoldo Destro, delegato del presidente di Confindustria a Trasporti, Logistica e industria del turismo e Andrea Carioti, vicepresidente di Confindustria Genova.