Crociere e Traghetti Energia e Ambiente

TotalEnergies e Corsica Sardinia Ferries, prima operazione di bunkeraggio di biocarburante nel Mar Mediterraneo

Secondo una stima well-to-wake consentirà una riduzione di circa il 20% delle emissioni di gas serra

Vado Ligure – TotalEnergies Marine Fuels e Corsica Sardinia Ferries hanno realizzato la prima operazione di bunkeraggio di biocarburante nel Mar Mediterraneo, da un porto francese. Durante l’operazione, effettuata nel porto di Tolone, 100 tonnellate di biocarburante, composto da gasolio (MGO) e per il 30% da biomolecole (FAME – estere metilico di acidi grassi di seconda generazione) prodotte da oli da cucina esausti e certificate ISCC, sono state consegnate via camion alla Mega Express Two, una nave ro-ro da 26.000 tonnellate.

Secondo una stima well-to-wake, questo biocarburante consente una riduzione di circa il 20% delle emissioni di gas serra rispetto a un carburante marino convenzionale.

“Siamo lieti di aver collaborato con Corsica Sardinia Ferries per la nostra prima operazione di bunkeraggio di biocarburanti nel Mediterraneo da un porto francese” afferma Louise Tricoire, Direttrice di TotalEnergies Marine Fuels, che prosegue “Questa sperimentazione ci consente di compiere un ulteriore passo verso la creazione di una filiera locale di approvvigionamento di biocarburanti marini attorno ai principali hub di bunkeraggio in Europa, al fine di aiutare i nostri clienti a ridurre la loro impronta di carbonio in conformità con i loro piani di decarbonizzazione”.

“Siamo felici di lanciare questo test sui biocarburanti sulle nostre navi”, afferma Jean-Charles Teurlay, Responsabile degli acquisti di carburante per Corsica Sardinia Ferries. “Lavoriamo da molti anni per limitare la nostra impronta di carbonio e stiamo anticipando quasi tutte le nuove normative per ridurla. Siamo convinti che il futuro dello shipping dipenda da soluzioni sostenibili e rispettose dell’ambiente, e questa sperimentazione ci permette di testare una nuova alternativa al carburante tradizionale” e prosegue “Gli oli da cucina delle cucine delle nostre navi sono già da due anni riciclati in biocarburante da un’azienda di Tolone e l’idea di generare un circolo virtuoso, utilizzando un biocarburante per la propulsione dei nostri traghetti, è particolarmente interessante. Attendiamo con entusiasmo i risultati di questa sperimentazione e seguiteremo con l’implementazione di pratiche sempre più rispettose dell’ambiente.”