Crociere e Traghetti Porti e Infrastrutture

Tragedia di Beirut: cento morti, distrutta anche una nave da crociera

Beirut – Una tragedia immane. Sono più di 100 i morti e almeno 4.000 i feriti provocati dalle due esplosioni hanno devastato Beirut nel pomeriggio di martedì 4 agosto. Lo riferisce la Croce Rossa libanese. I soccorritori hanno lavorato per tutta la notte. Le esplosioni, che sono state sentite anche a Nicosia (Cipro), a 240 chilometri di distanza dalla città libanese, sono state registrate dai sismologi come l’equivalente di un terremoto di magnitudo 3.3. A causare le deflagrazioni  un carico di nitrato di ammonio di oltre 2.700 tonnellate che era conservato in un magazzino nel porto di Beirut dopo essere stato confiscato più di sei anni fa. Testimoni hanno riferito di aver visto una nuvola arancione come quella che appare quando viene rilasciato gas tossico di biossido di azoto dopo un’esplosione che coinvolge nitrati e nel Paese è forte la preoccupazione anche per le tossine presenti ora nell’aria.

Nella violentissima esplosione molte infrastrutture del porto sono andate completamente distrutte. Devastata dalle fiamme anche la nave da crociera Orient Queen. La nave era ferma a Beirut da giugno. Un membro dell’equipaggio ha dichiarato alle tv locali che “tutto è andato distrutto. Alcuni di noi sono stati portati in ospedale”. Non è chiaro se a bordo ci siano state delle vittime fra l’equipaggio.