Cargo Crociere Green&Tech Porti

Trasporto green, l’industria dello shipping s’impegna a finanziare con 5 miliardi di dollari il piano IMO al 2030

Nave msc

Milano – Le compagnie armatoriali di tutto il mondo, tra cui quelle del settore delle crociere, scendono in campo per finanziare un programma da 5 miliardi di dollari, supervisionato dall’Organizzazione Marittima Internazionale (IMO), per ridurre le emissioni e rendere il comparto dello shipping ecologicamente ancora più sostenibile.

E’ la risposta dell’industria del mare dopo le proposte lanciate, a più riprese, dalle principali associazioni del settore: World Shipping Council (WSC), International Chamber of Shipping (ICS), Intercargo, Interferry, Intertanko, International Parcel Tankers Association e CLIA (organismo rappresentativo del comparto cruise). L’intervento, condiviso da tutti i principali attori del trasporto marittimo, è necessario per raggiungere gli obiettivi di riduzione dei gas a effetto serra (GHG) stabiliti dall’IMO, attraverso l’uso di ammoniaca, idrogeno, batterie e lo sviluppo delle relative tecnologie per alimentare la flotta mondiale.

Con un contributo di 2 dollari per ogni tonnellata di combustibile consumato, gli armatori sosterranno un programma di ricerca e sviluppo per indentificare e sviluppare tecnologie a zero emissioni di carbonio utilizzabili dalle navi già dal 2030. Tale programma sarà supervisionato dall’IMO e gestito da un’organizzazione non governativa creata ad hoc, il Consiglio Internazionale Ricerca e Sviluppo Marittimo (IMRB).

I contributi degli armatori dovranno essere disciplinati da un apposito regolamento IMO, così da garantire che tutte le compagnie di navigazione concorrano in modo equo e che, inoltre, vengano messi a disposizione i fondi necessari. Il Comitato per la Tutela dell’Ambiente Marino dell’IMO viene invitato, già nei suoi appuntamenti di novembre, a sostenere lo sviluppo del progetto.

Nonostante le emissioni delle navi siano già inferiori del 7% rispetto al 2008, il mondo dello shipping resta infatti ancora dipendente dai combustibili fossili. L’obiettivo IMO di ridurre entro il 2050 di almeno il 50% le emissioni del trasporto marittimo potrà essere raggiunto solo con l’adozione di nuove tecnologie e l’uso di nuovi carburanti.

Molte soluzioni sono allo studio, ma alcuni nodi sono ancora da sciogliere: dall’applicazione di queste tecnologie su larga scala sulle imbarcazioni transoceaniche a questioni di sicurezza, stoccaggio, distribuzione e molto altro. Gli obiettivi climatici dell’IMO possono essere raggiunti solo con una immediata accelerazione verso carburanti e tecnologie a zero emissioni di carbonio e l’IMRB è uno strumento essenziale di questo processo.