Energia e Ambiente

Completato il primo volo transatlantico al mondo alimentato con carburante sostenibile al 100%

Lo ha annunciato Kuehne+Nagel, che ha assicurato lo spazio di carico disponibile sull’aereo

New York – Il primo volo transatlantico al mondo alimentato al 100% con carburante sostenibile per l’aviazione (Saf) da parte di una compagnia aerea commerciale è atterrato con successo all’aeroporto Jfk di New York dopo essere partito da Londra Heathrow. Lo ha annunciato Kuehne+Nagel, che ha assicurato lo spazio di carico disponibile sul volo.

La sperimentazione faceva parte del progetto Flight100 guidato da Virgin Atlantic e parzialmente supportato dal Dipartimento britannico dei trasporti. L’iniziativa mira a presentare il Sustainable Aviation Fuel (Saf) come una valida alternativa al carburante convenzionale per aerei.

“Il Saf, realizzato con prodotti di scarto, consente un risparmio delle emissioni di CO2 nel ciclo di vita fino al 70%, pur funzionando come il tradizionale carburante per aerei che sostituisce”, affermano gli autori del progetto.

“Mentre altre tecnologie come l’elettricità e l’idrogeno restano lontane decenni, il Saf può essere già utilizzato. Oggi, il Saf rappresenta meno dello 0,1% dei volumi globali di carburante per aerei e gli standard sui carburanti consentono solo una miscela di Saf del 50% nei motori a reazione commerciali. Flight100 dimostrerà che la sfida di aumentare la produzione è una sfida di politica e investimenti, e che l’industria e il governo devono muoversi rapidamente per creare una fiorente industria Saf nel Regno Unito”, spiega l’Imperial College di Londra, fra i soggetti che partecipano alla sperimentazione.

Il Saf utilizzato su Flight100 è una doppia miscela: 88% Hefa (esteri idroprocessati di acidi grassi) fornito da AirBp e 12% Sak (cherosene sintetico) fornito da Virent, una filiale di Marathon Petroleum Corporation. L’Hefa è costituito da grassi di scarto mentre il Sak è costituito da zuccheri vegetali. Il Sak è necessario nelle miscele Saf al 100% per conferire al carburante gli elementi necessari per il funzionamento del motore.

(foto Kuehne+Nagel)