Economia e Finanza

Wartsila, il 99% dei lavoratori dice sì all’intesa con Msc

Trevisan (Fiom Cgil): “Ora incontro al ministero per dare attuazione agli impegni assunti”

Trieste – E’ stata approvata con il 99% dei voti favorevoli dei lavoratori ex Wartsila l’intesa che delinea la reindustrializzazione del sito di Trieste. Innoway Trieste, la neocostituita società partecipata dal gruppo Msc, “garantirà la continuità occupazionale dei 261 lavoratori dichiarati in esubero dalla multinazionale finlandese attingendo, in via prioritaria, dall’indotto per il completamento degli organici della futura fabbrica”. Lo comunica Luca Trevisan, segretario nazionale Fiom-Cgil.
Per effetto delle intese raggiunte, “Wartsila Italia è impegnata a garantire la continuità delle attività industriali dei siti di Trieste, Genova e Napoli e l’occupazione dei restanti 800 lavoratori del gruppo”, continua il sindacalista, indicando che “nell’incontro in programma per giovedì 11 luglio al ministero delle Imprese e del Made in Italy, con le organizzazioni sindacali, le aziende, le istituzioni locali, occorrerà dare attuazione agli impegni assunti, concludere positivamente la vertenza e implementare l’iter per la reindustrializzazione del sito triestino”.